Cause e rimedi per l'osteoporosi

Pubblicato il 04/05/2021


Durante tutta l'esistenza lo scheletro dell'uomo è segnato dal susseguirsi di due fenomeni tra loro contrari: formazione e distruzione del tessuto osseo. Nella prima fase di vita prevale la produzione di massa ossea (crescita) che deve beneficiare di un adeguato apporto di calcio e vitamina D abbinata ad una attività motoria continua. Il picco di massa ossea si ha durante la pubertà e si consolida e stabilizza fino ai 40 anni in un equilibrio tra sintesi e riassorbimento (vita adulta) e infine prevale la distruzione del tessuto osseo (terza età). Con il trascorrere degli anni si manifesta una naturale usura cioè un calo della massa ossea che rende il tessuto fragile e maggiormente a rischio di fratture. Tale condizione è denominata osteoporosi.

Come si misura l'osteoporosi

Stabilire una condizione di osteoporosi è possibile misurando la densità ossea mediante mineralometria ossea computerizzata (MOC). L'applicazione più frequente della MOC a raggi X riguarda la colonna lombare e l'anca. Se i valori di densità ossea o BMD si presentano inferiori di 1,5 deviazioni standard rispetto al contenuto osseo di un soggetto trentenne dello stesso sesso si parla di osteopenia (modesta perdita di solidità dell'osso) mentre quando si è al di sotto di 2,5 deviazioni standard viene fatta la diagnosi di osteoporosi (grave impoverimento di calcio e assottigliamento del tessuto osseo).

Il quadro più frequente di osteoporosi, definita primaria, riguarda il tipo post-menopausa e senile.

Perché le ossa si indeboliscono?

La perdita di massa ossea è notevolmente accelerata nella donna in seguito alla menopausa causa la mancata azione protettiva svolta dagli estrogeni nei confronti dello scheletro. L'osteoporosi ha una incidenza quattro volte superiore nelle donne. Per l'osteoporosi senile il principale responsabile è la carenza di attività fisica e lo scarso assorbimento di calcio e vitamina D a livello dell'intestino.

Si definisce osteoporosi secondaria quella condizione che compare nel corso di malattie non strettamente ossee, in particolare nelle malattie endocrine come l'iperparatiroidismo da adenoma delle paratiroidi, l'ipertiroidismo, il diabete insulinodipendente. Sono anche frequenti le forme di osteoporosi secondarie all'uso prolungato di farmaci come i cortisonici, gli ormoni tiroidei, i derivati dell'eparina o alcuni farmaci adiuvanti nella prevenzione delle recidive per tumore mammario.

Le ossa più suscettibili al calo di densità sono le vertebre dorso-lombari (ne conseguono alterazioni posturali e in particolare un progressivo incurvamento della schiena), il femore nella parte antistante il bacino e il polso.

I principali fattori di rischio per questa patologia sono:

  • Razza bianca caucasica e sesso femminile;
  • Precedenti fratture per traumi, fratture osteoporotiche in parenti di primo grado;
  • Magrezza, malattia debilitante (morbo di Chron, insufficienza renale);
  • Deficit di estrogeni, ridotto consumo alimentare di calcio e vitamina D;
  • Abitudine al fumo, eccessivo consumo di alcolici e caffè (più di tre tazzine al giorno);
  • Uso prolungato di farmaci.

Il principale elemento costitutivo dell'osso è il calcio e deve essere assunto nella giusta quantità fin dall'infanzia e per tutta la vita. L'apporto di calcio deve essere incrementato in condizioni di aumentata necessità come gravidanza, allattamento o nella terza età quando ne diminuisce l'assorbimento intestinale. Numerose ricerche condotte negli anni hanno dimostrato che il movimento regolare, anche se di intensità moderata, può incrementare la massa ossea e muscolare oltre che favorire la coordinazione motoria e facilita il senso di equilibrio.

Prodotti consigliati per l'osteoporosi

Ecco alcuni prodotti consigliati da Farmacie Ravenna per prevenire l'osteoporosi:

Nutriregular D 2000ui Veg60 Compresse

Nutriregular D 2000ui Veg60 Compresse

Integratore alimentare a base di Vitamina D3 per ossa, denti, funzione muscolare e sistema immunitario.

Metagenics Vitamina D Liquido Integratore di vitamina D 90 ml

Metagenics Vitamina D Liquido Integratore di vitamina D 90 ml

Integratore per fornire una quantità di principio attivo in grado di soddisfare gli apporti raccomandati.

Metagenics Vitamina D 4000ui Integratore per il sistema immunitario 168 Compresse Masticabili

Metagenics Vitamina D 4000ui Integratore per il sistema immunitario 168 Compresse Masticabili

Integratore a base di vitamina D indicato per la salute delle ossa e del sistema immunitario.

Meda Estromineral Fit 40 Compresse

Meda Estromineral Fit 40 Compresse

Integratore alimentare a base di Isoflavoni di soia, Fermenti lattici, Glucosamina solfato, Vitamina D3 e Calcio per la donna in menopausa.

Named Menoflavon N 60 compresse

Named Menoflavon N 60 compresse

 Integratore alimentare a base di isoflavoni da Trifoglio rosso, Calcio e vitamina D3. Utile nel contrasto dei disturbi della menopausa.

Come si previene?

Per prevenire questa malattia è consigliabile dunque mantenere una postura corretta e muoversi in sicurezza, praticare attività fisica con regolarità evitando la sedentarietà e l'immobilità prolungata, esporsi in sicurezza alla luce solare poiché la vitamina D che serve ad assorbire il calcio nell'intestino fissandolo nelle ossa si forma a livello della pelle; evitare il fumo, ridurre il consumo di sale e cibi acidi come caffè, proteine animali che favoriscono il riassorbimento di calcio dalle ossa. La presenza di scorie metaboliche acide nella matrice del tessuto connettivo causa un rallentamento di diverse funzioni come il nutrimento, lo scambio , il drenaggio e favorendo condizioni come insonnia, nervosismo, infezioni recidivanti.

Osteoporosi: consigli per l'alimentazione

E' fondamentale introdurre cibi alcalinizzanti come frutta e verdura. I cibi ricchi di calcio sono da preferire come latte, formaggi, tuorlo l'uovo, noci, legumi, cavoli. Si raccomanda di bere molta acqua nel corso della giornata per favorire l'eliminazione renale dei radicali acidi. I fitoestrogeni sono sostanze di origine vegetale (presenti in frutta, verdura e cereali) e si ritiene che agiscano analogamente agli estrogeni comportando una azione biologica simile anche se meno potente. I fitoestrogeni contengono la perdita di massa ossea mediante inibizione dell'attività enzimatica degli osteoclasti.

Quale terapia farmacologica da seguire

La terapia farmacologica dell'osteoporosi si basa sull'uso di:

  • Integratori di calcio e vitamina D;
  • Antiriassorbitivi con azione sul riassorbimento osseo degli osteoclasti (bifosfonati);
  • Farmaci con quest'ultima azione unita a capacità di neoformazione ossea (ranelato di stronzio);
  • Terapia ormonale sostitutiva (estroprogestinici per le donne, testosterone per gli uomini).